Francesca Ferla
Francesca Ferla Immagine by Dario Garofalo
Guardarsi. Ascoltarsi. Prendere consapevolezza di sé. Conoscersi e riconoscersi.
Eravamo rimaste qui. Siamo un tutt’uno, esseri compositi che hanno bisogno di poter esprimere la propria complessità nella sua interezza.
L’immagine di noi che proiettiamo all’esterno deve parlare di tutto questo. Non può essere mero involucro; deve rispondere e dire anche della nostra essenza interiore.
La nostra immagine non è fatta per stare piatta su una copertina, su un foglio, su una fotografia.
Si muove con noi, è tridimensionale.
Non ti è mai capitato di notare come un outfit funzionasse perfettamente su una persona per le sue caratteristiche morfologiche, ma poi quella persona apriva bocca e la magia svaniva in un istante?

Ecco, questo è l’esempio lampante di immagine che non funziona a 360°.

Le modelle sui giornali o nelle sfilate vengono scelte unicamente in base alla loro fisicità e in generale in base alle loro caratteristiche estetiche per la corrispondenza che si crea tra questa loro esteriorità e il tipo di messaggio che la collezione che indossano deve trasmettere. Per esempio, una ragazza con caratteri prevalentemente eterei, colori diafani e corpo flessuoso vestirà alla perfezione una collezione ispirata alle ninfe dei boschi, fatta di abiti fluttuanti, impalpabili, leggeri ecc.

Le sue caratteristiche morfologiche dettano un tema dominante che però, per calarsi e funzionare davvero nella realtà dovrebbe necessariamente compenetrarsi con le sue caratteristiche interiori. Anch’esse devono trovare espressione.

Ecco perché ti dico che è indispensabile conoscersi esteriormente quanto interiormente. Nessuno, pur studiando al millimetro i tuoi colori, la tua morfologia e le tue proporzioni, potrà mai appiccicarti addosso un’immagine funzionante e funzionale se non viene presa in considerazione e non si associa a tutto questo anche l’espressione della tua essenza.

Come vedi il lavoro è complesso.

Ti sei osservata con occhio il più possibile neutro in questo periodo? Chiediti se ci sei riuscita; se no, esercitati ancora. È molto importante assumere un modo di guardare a sé stessi epurato dal giudizio e dalle credenze depotenzianti. Conoscersi e riconoscersi produce autostima e self confidence.

Per fare in modo che l’immagine sposi la nostra autenticità noi dobbiamo saper accuratamente descrivere noi stessi, avere contezza delle nostre caratteristiche.

L’immagine, infatti, si compone di più livelli. Tanti aspetti concorrono alla composizione finale. Colori, forme, linee, proporzioni, portamento, caratteristiche psicologiche e caratteriali, personalità, modo di approcciare la vita e le varie situazioni, livello di energia.

Tu conosci tutto questo di te?

Oggi ci concentriamo su un primo aspetto; voglio parlarti del potere del colore, uno dei primi elementi che si prendono in considerazione nello studio dell’immagine.

I colori parlano. Portano con sé molteplici significati e quindi hanno un forte potere comunicativo.

L’uso consapevole del colore a seconda delle situazioni o del messaggio che si vuole esprimere è uno strumento a nostra disposizione per orientare il pensiero secondo i nostri desiderata, per stimolare determinati tipi di reazioni o per indurre diversi comportamenti e modi di agire.

Questo è il potere del colore in generale.

C’è però un altro aspetto importante. I colori armonici rispetto ai colori personali sono in grado di produrre immediatamente sulla persona l’effetto di illuminarla, farla apparire più in salute, valorizzarla al massimo.

Di questo si occupa l’armocromia.

Questa strana parola fa riferimento proprio all’armonia del colore. L’etimologia la dice lunga: parola composta dalle prime due sillabe di armonia (dal greco harmonía – accordo, proporzione) e -cromia (dal greco -khrōmía, derivato di khrôma-atos ‘colore’).

L’armocromia studia le caratteristiche di colore personale (valutando i vari elementi di colore della persona, tra cui primariamente la pelle e poi occhi e capelli allo stato naturale e altri) e, in base a quelle, individua le sfumature di colore più valorizzanti per ciascuno.

Tutti i colori infatti sono declinabili in sfumature diverse (colori caldi/freddi; intensi/desaturati o tenui; chiari/scuri; per semplificare al massimo); tutti tranne il nero e l’arancione che è un colore solo caldo (ne esistono comunque diverse sfumature).

Per esempio, quale sarà la sfumatura di rosso più adatta a te? E quale sarà invece il tuo verde o il tuo blu? E così via.

Studiare e conoscere i propri colori personali dà l’opportunità di valorizzarsi in modo naturale ed è molto bello vedere l’effetto che il colore giusto (io dico ‘amico’) produce sul viso. In sintesi, si tratta di avere una freccia in più al proprio arco.

Attraverso l’analisi armocromatica si va ad individuare la palette di colori più adatti a ciascuno.

Cosa succede se non ci sentiamo completamente rappresentati dalla nostra palette?
Mi spiego. L’armocromia è un tipo di analisi che, prendendo in considerazione i nostri colori, fa riferimento al nostro lato esteriore.

Noi però abbiamo detto che i colori hanno anche un significato ed un potere comunicativo di per sé.

Potrebbe darsi che non riusciamo ad esprimerci completamente attraverso i colori della palette. Potrebbe succedere che ci si senta limitati, ingabbiati dalla propria palette, perché i colori che la compongono, per esempio, non esprimono il nostro il livello di energia o la nostra personalità.

Cosa fare quindi?
A questo punto risulta ben chiaro come un solo aspetto non possa descrivere la nostra complessità, rendere ragione della nostra interezza, servire sia il nostro lato esteriore sia quello interiore di concerto.

Nel caso specifico dei colori occorre integrare la palette personale con quelle sfumature che comunicano la nostra essenza o il messaggio che vogliamo dare.

Occorre avere però ben chiaro cosa vogliamo comunicare e chi siamo noi.

Torniamo quindi al discorso di partenza.

Conoscersi e riconoscersi restano le nostre linee guida.

Passo passo esploreremo tutti gli aspetti che troveremo su questo meraviglioso percorso alla scoperta di sé.

Regalati la possibilità di stare su di te.

http://www.francescafer- la.com

info@francescaferla.com

Francesca Ferla